Il Compiled Binding nella Universal Windows Platform

di , in Windows 10,

Una delle novità introdotte con la Universal Windows Platform, è il Compiled Binding.
Questa funzionalità ha l'obbiettivo di rendere più efficente e debuggabile il meccanismo di data binding a cui ormai siamo abituati. Il binding "non compilato" inafatti, basava il suo funzionamento sul meccanismo delle reflection e su l'utilizzo di stringhe come binding keyword, andando intrisecamente a peggiorare le performance della nostra app e a rendere più error prone il nostro codice.
Con il compiled binding questi problemi sono stati risolti poichè adesso ogni oggetto sottoposto a Binding viene validato a compile time. La validazione avviene andando a ricercare un riferimento alla proprietà sottoposta a binding nella classe a cui la View fa riferiemento (più banalmente, il file di code-behind della nostra view).

Utilizzare il compiled binding, la direttiva x:Bind

Nell'esempio riportato in basso possimo vedere come impostare il binding lato view, e come la proprietà Name sia presente nella classe di code behind.

MainPage.xaml

<Grid Background="{ThemeResource ApplicationPageBackgroundThemeBrush}">
    <TextBlock Text="{x:Bind Name}" Foreground="Black"
                HorizontalAlignment="Center" VerticalAlignment="Center" Style="{StaticResource HeaderTextBlockStyle}" />
</Grid>

MainPage.xaml.cs

public sealed partial class MainPage : Page
{
    public string Name { get { return "Giancarlo Lelli"; } }

    public MainPage()
    {
        InitializeComponent();
    }
}

Tuttavia esistono alcune differenze che è opportuno sottolineare rispetto al precedente meccanismo di Binding, ad esempio:
- Il meccanismo di ricerca della proprietà all'interno del file di code behind non può essere modificato;
- La modalità di binding predefinita per la direttiva x:Bind è OneTime;

La direttiva x:Bind per invocare dei metodi

Sempre grazie al nuovo compiled binding è possibile fare il binding di un metodo ad un particolare command/event handler, eliminando così la necessità di utilizzare l'interfaccia ICommand o un suo derivato. Di seguito possiamo trovare un esempio.

MainPage.xaml

<Grid Background="{ThemeResource ApplicationPageBackgroundThemeBrush}">
    <Button Click="{x:Bind Run}" Content="Run" HorizontalAlignment="Center"
            VerticalAlignment="Center" />
</Grid>

MainPage.xaml.cs

public sealed partial class MainPage : Page
{
    public MainPage()
    {
        InitializeComponent();
    }

    public void Run()
    {
        Debug.WriteLine("Binded with x:Bind!");
    }
}

Risultato alla pressione del button:


Il compiled binding e i data template: la keyword x:DataType

Un data template non ha un contesto al momento della compilazione, percui affinchè il meccanismo di tipizzazione forte dei nostri binding funzioni è necessario utilizzare la direttiva x:DataType. Nell'esempio sottostante possiamo vedere come è possibile specificate il DataType nel DataTemplate e poi continuare ad utilizzare, come nell'esempio precedente, la direttiva x:Bind per esplicitare il binding.

<Grid Background="{ThemeResource ApplicationPageBackgroundThemeBrush}">
    <ListView ItemsSource="{x:Bind Dudes}">
        <ListView.ItemTemplate>
            <DataTemplate x:DataType="local:Person">
                <StackPanel Margin="50">
                    <TextBlock Text="{x:Bind Firstname}" />
                    <TextBlock Text="{x:Bind Lastname}" />
                </StackPanel>
            </DataTemplate>
        </ListView.ItemTemplate>
    </ListView>
</Grid>

Commenti

Visualizza/aggiungi commenti

Il Compiled Binding nella Universal Windows Platform (#106) 1010 1
| Condividi su: Twitter, Facebook, LinkedIn, Google+

Per inserire un commento, devi avere un account.

Fai il login e torna a questa pagina, oppure registrati alla nostra community.

Approfondimenti

I più letti di oggi